Emissioni di particolato – benzina e metano inquinano come il diesel

Lo studio del politecnico di Bari pone l’attenzione sulle emissioni di particolato ultrafine, le quali risultano essere prodotte in egual misura da un motore benzina, metano e diesel.

politecnico-bari

Il web è colmo di articoli, saggi e studi (attendibili o meno) sul differente impatto ambientale dei vari motori all’interno dei nostri veicoli. In questo sede ci concentreremo sulle emissioni di particolato ultrafine, ben più sottile e pericoloso di quello Pm10 e Pm2.5 derivante dall’utilizzo dei motori a combustione interna.

Ebbene, da questo punto di vista, i motori a benzina e metano inquinano quanto il bistrattato diesel.

Questo è ciò che emerge dall’attività scientifica di un gruppo di ricercatori del Politecnico di Bari, che ha partecipato a Capri ad un simposio di Sar-Na, una delle due sezioni Italiane della Sae International (l’associazione internazionale degli ingegneri dell’automotive) in collaborazione con la Clemson University e il Cnr di Napoli.

Ne ha parlato Riccardo Amirante, Professore ordinario di Macchine e Sistemi per l’Energia e l’Ambiente nel Politecnico barese, in un articolo del corriere di mezzogiorno:

«Il nostro gruppo di ricerca – chiarisce Amirante – ormai da qualche anno è impegnato nella comprensione dei meccanismi di formazione del particolato ultrafine (le cosiddette nanoparticelle).

particolato-fleetmatica

Nella fattispecie dai nostri studi sperimentali e numerici si evidenziano che anche motori che utilizzano combustibili quali benzina e metano producono quantità significative di tali particelle in ragione soprattutto del contributo derivante dall’olio di lubrificazione indispensabile per il corretto funzionamento del motore stesso.

Paradossalmente tali emissioni vengono rilasciate in maggiore quantità proprio nei percorsi con ricorrenti stop and go dei motori ad accensione per scintilla, quali ad esempio i percorsi urbani».

Per questo motivo gli studi stanno andando avanti per cercare di capire i meccanismi di formazione di questa tipologia di particolato, dato che le emissioni dei veicoli possono contribuire fino all’85% del numero di particelle che si ritrovano, sospese in atmosfera, proprio nelle città.

«L’attività di ricerca posta in essere mira a fornire gli strumenti di simulazione per i progettisti atti a riprodurre le dinamiche di formazione del particolato nei motori ad accensione comandata, con lo scopo di minimizzarne la loro formazione e la diffusione nell’ambiente»

L’obiettivo finale, ovviamente, è arrivare alla sostituzione dei motori a combustione con quelli elettrici.

«Appare dunque ragionevole – conclude il prof – ritenere che lo sforzo tecnologico posto in campo potrà e dovrà determinare a breve cambiamenti a step, che riguarderanno l’intera mobilità, con evidenze più notevoli proprio a partire dai segmenti della mobilità urbana (mobilità su due ruote con e-bike e citycar elettriche) già in corso di sperimentazione proprio nell’ambito di un progetto europeo dello stesso Politecnico di Bari».

fleetmatica-logo

Stai pensando di trasformare la tua flotta aziendale in veicoli elettrici? Scopri come Fleetmatica può aiutarti in questo processo.

Clicca qui per saperne di più!