Auto elettriche, i posti di lavoro sono davvero a rischio?

auto-elettriche-rust-bell-nuovi-posti-di-lavoro

Con l’ascesa dell’auto elettrica diversi posti di lavoro potrebbero essere a rischio. L’esempio della Rust-Belt in Ohio dimostra come una riconversione efficace possa, al contrario, portarne di nuovi.

auto-elettriche-rischio-posti-di-lavoro

L’industria automobilistica globale potrebbe perdere circa 80.000 posti di lavoro durante la transizione verso la mobilità elettrica (Bloomberg ). Le grandi aree manifatturiere del mondo che sopravviveranno (e prospereranno) nel prossimo decennio, saranno quelle in grado di convertire le proprie risorse verso una nuova tecnologia emergente. 

La Rust-Belt in Ohio si sta contraddistinguendo come un brillante esempio di “riconversione” e di come i veicoli elettrici possano aiutare a creare nuovi posti di lavoro, anzichè toglierne.

“Per molto tempo nella nostra comunità, abbiamo puntato su ciminiere altamente inquinanti, puntando su tecnologie in declino”, ha detto il rappresentante degli Stati Uniti per la regione del nord-est dell’Ohio Tim Ryan, “ma stiamo iniziando a muoverci in una giusta direzione. Dobbiamo trovare un’alternativa per uscire da questa situazione e se aspettiamo il 2040 per l’entrata in vigore di un divieto sui veicoli a benzina, saremo fregati.

rust-belt-ohio

Ai primi di dicembre, General Motors ha annunciato una nuova joint-venture con LG Chem per costruire la propria batteria gigafactory con sede a Lordstown, in Ohio, riconvertendo una fabbrica recentemente chiusa dove ha costruito automobili a combustione interna per mezzo secolo.

Ecco i principali obiettivi di questa fusione:

  • Creerà più di 1.100 nuovi posti di lavoro in una nuova struttura con sede in Ohio
  • Porterà il costo per chilowattora a livelli leader del settore
  • Creazione nuovo impianto batterie con una capacità annuale di oltre 30 gigawattora con flessibilità di espansione
  • Le aziende stipuleranno un accordo congiunto per sviluppare tecnologie avanzate, batterie a basso costo

GM ha anche venduto la sua fabbrica a Lordstown Motors , una startup di veicoli elettrici affiliata a Workhorse in cui sono previste assunzioni per un migliaio di persone circa.

Questo quello che ha dichiarato Il sindaco di Lordstown, Arno Hill, a Fox News:

Speriamo che questo sia l’inizio di un grande centro di elettrificazione per camion nel nord-est dell’Ohio. Il mondo sta cambiando e se non cambi sei destinato a soccombere. Quindi guardiamo al futuro e facciamo il meglio per Lordstown e i nostri residenti.

gm-lg-chem

La vicina Youngstown ospita un laboratorio di collaudo di batterie per veicoli elettrici e un programma presso la Youngstown State University per la formazione di studenti per l’industria delle auto elettriche.

“Vogliamo prenderci in carico il nostro futuro. Un’opportunità come questa è davvero importante per i nostri punti di forza regionali ”, ha affermato Mike Hripko, vicepresidente associato dell’università per lo sviluppo economico e le relazioni governative.

Nel frattempo, due settimane fa a Columbus, la capitale dello stato, i rappresentanti dello stato si sono riuniti per annunciare piani per ampliare l’adozione di veicoli elettrici in tutto l’Ohio . Hanno presentato una fattura bipartisan per offrire un credito d’imposta sulle vendite di $ 500 per l’acquisto di un veicolo elettrico ogni anno per uso personale; un credito d’imposta sulle vendite di $ 1.000 per ciascuna fino a 10 auto elettriche ogni anno per uso commerciale; e un credito d’imposta sulle vendite di $ 1.500 per la costruzione di stazioni di ricarica.

Il senatore dello stato Michael Rulli di Salem ha dichiarato che vuole che l’Ohio sia tra i primi tre stati del paese ad adottare veicoli elettrici. Una quota crescente di tali veicoli sarà costruita o avrà componenti realizzati sul suolo dell’Ohio.

In conclusione, il rischio della perdita dei posti di lavoro è serio e va affrontato. Di sicuro rimanere immobili o addirittura combattere l’introduzione di una nuova, inevitabile tecnologia non farà altro che aumentare questa problematica.

La case study di questa area dell’Ohio dimostra come giocando d’anticipo e con una riconversione delle risorse intelligente, si possa fare di necessità virtù e come le auto elettriche possano diventare una risorsa importante anche nella creazione di nuovi posti di lavoro.

fleetmatica-logo

Stai pensando di trasformare la tua flotta aziendale in veicoli elettrici? Scopri come Fleetmatica può aiutarti in questo processo.

Clicca qui per saperne di più!